ECLISSI PARZIALE DI SOLE – Inizia il conto alla rovescia tutti con il naso all’insù

ECLISSI PARZIALE DI SOLE - Inizia il conto alla rovescia tutti con il naso all'insù

IL MESE DI MARZO SARA’ CONTRADDISTINTO DA UN EVENTO ASTRONOMICO DI GRANDISSIMA RILEVANZA che, alla luce degli ultimi dettagli, potrebbe essere veramente straordinario. Si tratta dell’attesissima eclissi parziale di Sole, evento che avverrà in data 20 Marzo 2015. Il Sole sarà oscurato al 100% dalla Luna solo nelle Isole Faeroer e nelle Svalbard, oltre che gran parte del Polo Nord e del Circolo Polare Artico, ma questa volta la fortuna andrà incontro all’Italia ed all’Europa. Sul nostro Paese infatti lo spettacolo sarà tanto, in quanto il 70% del Sole sarà oscurato dalla Luna su tutta la Pianura Padana e gran parte dell’Italia centrale, mentre in Sicilia, Calabria e Puglia, il Sole sarà ricoperto tra il 60 ed il 50% dalla Luna. Si preannuncia un’eclissi parziale di Sole che mancava da 10 anni (Ottobre 2005). L’eclissi parziale di Sole del 20 Marzo 2015 inizierà alle 09:00 e terminerà alle 12:00 circa, ed avrà il culmine alle ore 10:30. Lo spettacolo dell’eclissi parziale di Sole sarà notevole da Nord a Sud, e per l’occasione sono state organizzate tante iniziative, come il Sun Parti, promosso dall’Unione Astrofili Italiani. L’eclissi parziale di Sole avverrà proprio nel giorno dell’equinozio di Primavera (20 Marzo) data in cui il numero di ore di luce sarà pari a quelle di buio (dal 21 Marzo in poi invece saranno superiori, fino a giungere al Solstizio d’Estate). L’ultima eclissi totale di Sole in Italia c’è stata il 15 Febbraio 1961, mentre l’11 Agosto 1999 fu quasi totale. La prossima eclissi totale di Sole è attesa il 2 Agosto 2027. Auguriamoci che il tempo sia stabile e soleggiato!

Redatto da Pjmanc https://ilfattaccio.org

2015 – Sorprese dal cielo tra comete,super luna,eclissi e stelle cadenti

2015 - Sorprese dal cielo tra comete,super luna,eclissi e stelle cadenti

IL CIELO DEL 2015 PROMETTE DI ESSERE PIENO DI SORPRESE, con ben 3 comete forse visibili anche ad occhio nudo, una superluna rossa, un’eclissi di Sole e spettacolari piogge di stelle cadenti. Ad aprire la serie degli spettacoli è la cometa C/2014 Q2 Lovejoy, che si è affacciata nei cieli italiani a Natale ed è visibile anche ad occhio nudo, spiega l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope e curatore scientifico del Planetario di Roma. Il 7 gennaio la Lovejoy raggiungerà la minima distanza dalla Terra, pari a 70 milioni di chilometri, e a metà mese è previsto il massimo di visibilità perché sarà alta sull’orizzonte. Le faranno compagnie le stelle cadenti Quadrantidi, che raggiungeranno il picco il 4 gennaio. Per il 24 gennaio si prevede una tripla eclissi su Giove da parte delle sue lune Io, Callisto, ed Europa. Osservare l’evento dall’Italia non sarà facile e per ammirare lo spettacolo sarà necessario avere a disposizione un orizzonte libero. In 6 febbraio Giove continuerà a dare spettacolo perchè sarà in opposizione al Sole e quindi al meglio della sua visibilità. Per il 20 marzo un’eclissi di Sole sarà totale nell’Artico e parziale al 60% dall’Italia, mentre il 4 aprile la Luna sarà la protagonista del cielo con un’eclissi totale, purtroppo invisibile dall’Europa. Il 23 maggio sarà la volta di Saturno, in opposizione al Sole, e il 5 giugno Venere sarà al massimo della sua visibilità serale. Sempre in giugno potrebbe essere visibile ad occhio nudo anche la cometa C/2014 Q1 PanSTARRS.

giove-venere-ANCORA DUE PIANETI SARANNO I PROTAGONISTI DEL CIELO ESTIVO: il primo luglio è prevista una spettacolare congiunzione tra Venere e Giove, che appariranno vicinissimi, e il 13 agosto è atteso il picco delle Perseidi: la pioggia di stelle cadenti più bella dell’anno non sarà disturbata dalla luce della Luna. Anche il cielo d’autunno sarà da non perdere: il 28 settembre si prevede un’eclissi di Luna totale visibile dall’Italia, che coincide con la Superluna, ossia la Luna piena più grande dell’anno. Il 29 ottobre, inoltre, la Luna occulterà una delle stelle più luminose, Aldebaran, che sembrerà nascondersi dietro la Luna e poi sbucare dall’altra parte. In autunno arriverà anche la terza cometa dell’anno, Catalina, che potrebbe essere anch’essa visibile ad occhio nudo e si prevedono altri sciami di meteore spettacolari. In novembre le Alfa Monocerotidi e in dicembre le Geminidi, al massimo di visibilità. Il 23 dicembre, infine, Aldebaran giocherà di nuovo a nascondino con la Luna.

>Fonte< 
Redatto da Pjmanc: www.ilfattaccio.org

DUE ECLISSI IN ARRIVO – E per Pasqua tante stelle cadenti

ECLISSI

DOPPIA ECLISSI DI LUNA E DI SOLE IN QUESTO MESE DI APRILE.La prima sarà totale, la spettacolare luna rossa, che sarà osservabile il 15 aprile. Poi toccherà al sole, che il 29 aprile sarà coinvolto in una altrettanto caratteristica eclissi anulare.Ciò che i (pochi) fortunati potranno ammirare del cielo, alla fine del mese, sarà dunque un anello di fuoco. Pochissimi fortunati, visto che l’eclissi anulare di sole sarà osservabile solo da una piccola zona dell’Antartide, alle 6.04 GMT, poco dopo le 8 ora italiana. Fortunati ma ignari saranno i pinguini che potranno vedere il sole oscurarsi fino a notarne solo un anello rossastro attorno.Cosa accade durante un’eclissi solare anulare? Nell’eclissi anulare la Luna si trova nel punto più lontano della sua orbita e il cono d’ombra non giunge fino alla superficie terrestre. Di conseguenza, durante un’eclissi anulare è come se del Sole ne fosse rimasto un anello luminoso durante la fase centrale perché la Luna è troppo lontana dalla superficie terrestre per nasconderlo del tutto.

stelle-cadentiANDRA’ MEGLIO IL 15 APRILE quando in tutto il Nord e Sud America, in Australia, in Nuova Zelanda e in altre regioni del Pacifico sarà possibile assistere alla spettacolare luna rossa, tecnicamente nota come eclissi totale di luna.Quel giorno, l’ombra della Terra oscurerà del tutto la Luna piena. Sole, Terra e luna si trovano allineati in quest’ordine. Lentamente la luna verrà oscurata dalle 7.07 alle 08.25 GMT (dalle 9 alle 10.30 circa ora italiana), mentre le fasi parziali dell’eclissi saranno visibile alcune ore prima e dopo questo lasso di tempo.Curiosità. L’eclissi solare si verifica durante il novilunio, quindi quando la luna è completamente invisibile. L’eclissi lunare invece si verifica durante il plenilunio.Ebbene sì. In Italia resteremo a bocca asciutta. Ma una piccola consolazione c’è anche per noi. Quest’anno infatti, a cavallo del periodo di Pasqua, sarà possibile ammirare lo spettacolo offerto dalle Liridi, le stelle cadenti che raggiungeranno il picco tra il 22 e il 23 aprile. Anno fortunato, per noi e per loro, visto che la quasi totale assenza di luna permetterà di avere un cielo nitido. Se saremo fortunati, riusciremo a vedere in media da 10 a 30 meteore ogni ora.

>Fonte< 
Redatto da Pjmanc: https://ilfattaccio.org

ECLISSI IBRIDA – Domani 3 Novembre un altro regalo dal sole

eclissi ibrida

ECLISSI DI SOLE QUESTA VOLTA TOCCA A NOI.Domenica 3 novembre dall’Italia potremo ammirare la spettacolare eclissi ibrida, un fenomeno molto raro. Approfittiamone, visto che la prossima eclissi totale sarà solo nel 2015.Cos’è un’eclissi ibrida? E cos’ha di speciale? Di solito sentiamo parlare di eclissi totale di Sole o di eclissi parziale. In questi ultimi due casi, l’ombra della luna nuova (quella che non vediamo perché ‘scura’) attraverserà il disco del sole, mettendosi tra noi e la nostra stella. Quando l’allineamento tra i tre corpi (Sole-Luna-Terra) è perfetto avremo l’eclissi totale. Quando invece non sono perfettamente allineati, l’eclissi di sole sarà parziale.E l’eclissi ibrida? È quello che accadrà domenica 3 novembre, quando assisteremo ad un mix tra un’eclissi totale e una anulare. Nell’eclissi anulare la Luna si trova nel punto più lontano della sua orbita e il cono d’ombra non giunge fino alla superficie terrestre. Per questo ciò che si vedrà sarà una sorta di ‘anello di fuoco’ invece della sfera del sole.

NEL NOSTRO CASO IL 3 NOVEMBRE alcune zone della terra osserveranno l’eclissi totale, ma prima e dopo la fase di massimo oscuramento, la Luna si allontanerà dalla Terra diminuendo la parte del Sole oscurata. Avremo così anche un’eclissi anulare.Se a maggio abbiamo provato invidia per gli Australiani che hanno ammirato l’eclissi totale di sole, questa volta tocca a noi.In realtà, per ammirare al meglio allo spettacolo dovremmo trovarci nell’Africa equatoriale. Ma accontentiamoci di quello che vedremo dall’Italia: un’eclissi parziale di Sole sarà visibile soprattutto dalle zone meridionali del nostro paese. Si comincia poco dopo le 13.30, quando il Sole comincerà leggermente ad oscurarsi fino a ritornare perfettamente visibile circa due ore dopo.

Come sempre, è consigliabile osservarlo utilizzando delle protezione, mai direttamente.
Se riesci a fotografare l’eclissi, partecipa gratuitamente al Pifa, il Premio Italiano di Fotogragfia Astronomica organizzato da NextMe. Leggi il Regolamento

*Francesca Mancuso
>Fonte<
Redatto da Pjmanc:  https://ilfattaccio.org