CEREALI KELLOGG’S – Attenzione dipendente fa la pipì sul nastro dei cereali +Video

cereali_kellogg

SORPRESO A FARE LA PIPI’ SULLE CATENE DI MONTAGGIO di Kellogg’s di Memphis. È accaduto nel 2014 ma la società ha appena reso noto che un dipendente aveva urinato sopra i nastri di produzione, su cui passavano gran parte dei cereali del marchio. Il video che ritraeva l’uomo intento a fare la pipì sui nastri è finito in rete facendo il giro dal mondo. Kellogg’s ha così avviato un’indagine interna. Anche se il fatto è accaduto due anni fa, la società vuole vederci chiaro sulla vicenda. I prodotti interessati potrebbero essere i Rice Krispies, la torta al riso soffiato e altri cereali, anche se dopo tutto questo tempo potrebbero essere stati consumati o comunque sarebbero oltre la data di scadenza, per cui non più presenti nei supermercati. Kris Charles, portavoce di Kellogg’s, ha detto che la società è indignata per questa situazione, considerata del tutto inaccettabile: “La qualità del cibo è della massima importanza per Kellogg’s Company. Siamo rimasti scioccati e profondamente delusi da questo video che abbiamo appena visto. Abbiamo immediatamente avvisato le autorità e lavoreremo a stretto contatto con loro” fa sapere la società. Intanto, la FDA ha avviato un’indagine penale che dovrà accertare l’identità dell’uomo ma i cerali al sapor di pipì sono già finiti nelle tazze della colazione. Non sappiamo affatto ciò che mangiamo.

VIDEO

*Francesca Mancuso
>Fonte< 
Redatto da Pjmanc: www.ilfattaccio.org

CEREALI A COLAZIONE?- Troppo zucchero ecco perchè non possono essere salutari

cereali

A COLAZIONE LATTE E CEREALI?Da buona abitudine alimentare rischia di diventare un pasto eccessivamente calorico, soprattutto per i nostri bambini.Alcuni cereali da colazione, infatti, sono così pieni di zucchero da rischiare di essere pericolosi. Soprattutto quelli per bambini. Lo rivela uno studio di Which?, che ha analizzato i principi nutritivi di 50 diversi prodotti, scoprendo che ben 32 avevano livelli di zucchero troppo alti.”Kellogg’s Frosties si è rivelato il peggiore, ma forse è stato ancor più sorprendente che anche i cereali che pensavamo fossero “salutari” avevano alti livelli di zucchero”, spiega il vice caporedattore Amanda Diamond. E’ il caso dei Kellogg’s Special K o del riso soffiato e dei corn flakes dei marchi dei supermercati, spesso presentati come light e poco calorici. Anche gli All-Bran di Kellog’s sono troppo zuccherati, con 22g di zucchero ogni 100g. Ma non è niente in confronto al ben 37% di zucchero contenuto nei Kellogg’s Frosties.Il Direttore esecutivo di Which?, Richard Lloyd spiega che “i genitori sono particolarmente sorpresi nell’apprendere che la maggior parte dei cereali per bambini contengono così tanti zuccheri. Non lo sanno.

cerealiE PER QUESTO BISOGNA INTERVENIRE SUBITO SULLE ETICHETTATURE E SUI PRODUTTORI.Bisogna spingere i produttori ad agire sui livelli di zucchero e a fornire indicazioni chiare e comprensibili sui valori nutrizionali.Insomma, così come è vero che una dieta ad alto contenuto di zucchero può comportare, oltre alle carie per i denti, l’obesità, al contrario, le aziende produttrici negli ultimi anni hanno speso una fortuna per convincere i genitori che una colazione sana debba sempre prevedere il consumo di cereali.Cosa possono fare i genitori?I bambini devono innanzitutto mangiare cibo non lavorato: preparare in casa i biscotti o le merendine per la colazione, magari a base di frutta, è certamente la soluzione migliore. Bisogna anche evitare gli zuccheri aggiunti e quindi preferire i cereali con pochi ingredienti, scegliere quelli con maggiore contenuto di fibre.Infine, attenzione alle etichette: lo zucchero si cela sotto molteplici diciture come melassa, miele, succo di frutta concentrato, zucchero di canna, dolcificanti del mais, saccarosio, lattosio, glucosio, sciroppo di mais e di malto. Solo così la colazione sarà davvero buona e sana!

*Roberta Ragni

>Fonte<

Redatto da Pjmanc http:/ ilfattaccio

LE 10 MARCHE DI CEREALI CHE POSSONO CONTENERE MAIS OGM DELLA MONSANTO

cereali

LA LISTA PUBBLICATA DAL SITO naturalnews.com nessun allarme per la salute, solo la volontà di informare i consumatori.Il sito naturalnews.com ci tiene a precisare che i seguenti cereali per la colazione possono contenere mais geneticamente modificato prodotto dalla Monsanto.Quello che il sito sottolinea è che negli Stati Uniti non è dato conoscere il contenuto esatto di questi cereali. I produttori, infatti, non offrono queste informazioni sulle etichette. Negli USA è legale farlo e tutto ciò va a compromettere il consumatore. I seguenti cereali non provocano tumori e non sono un pericolo per la salute. Al momento, infatti, non sono stati ancora fatti studi approfonditi sul Mais Ogm. Lo scopo dell’articolo è quello di rendere maggiormente informati i consumatori americani (noi crediamo anche italiani). Nel nostro paese, infatti, le norme sugli OGM esistono. In particolare il regolamentoeuropeo 1830/2003, che detta le norme per l’etichettatura e la tracciabilità degli OGM e introduce l’obbligo di etichettare come “prodotto da OGM” anche gli alimenti nei quali non è possibile reperire materiale genetico, come gli oli. Viene ammesso dal regolamento un limite dello 0.9% per la presenza accidentale di OGM (purché autorizzati) in alimenti non OGM. Anche se attualmente non ci sono colture OGM in Italia (se non a livello sperimentale), non significa che sia un Paese “OGM free”. Infatti la gran parte dei mangimi utilizzati negli allevamenti italiani (esclusi gli allevamenti biologici) è prodotta a partire da soia e mais geneticamente modificati importati da Stati Uniti, Canada e America Latina. L’Italia infatti produce solo l’8% della soia di cui necessita.

Ecco l’elenco della marche di cereali:

Cocoa Puffs
Corn Chex
Frosted Flakes
Honey Graham Oh’s
Honey Nut Chex
Kashi Heart to Heart
Kellogg’s Corn Flakes
Kellogg’s Corn Pops
Kix
Barbara’s Bakery Puffins Peanut Butter

>Fonte< 

Redatto da Pjmanc: https://ilfattaccio.org

LE 10 MARCHE DI CEREALI CHE POSSONO CONTENERE IL MAIS OGM DELLA MONSANTO

LA LISTA PUBBLICATA DAL SITO naturalnews.com

nessun allarme per la salute, solo la volontà di informare i consumatori.Il sito naturalnews.com ci tiene a precisare che i seguenti cereali per la colazione possono contenere mais geneticamente modificato prodotto dalla Monsanto.Quello che il sito sottolinea è che negli Stati Uniti non è dato conoscere il contenuto esatto di questi cereali. I produttori, infatti, non offrono queste informazioni sulle etichette. Negli USA è legale farlo e tutto ciò va a compromettere il consumatore. I seguenti cereali non provocano tumori e non sono un pericolo per la salute. Al momento, infatti, non sono stati ancora fatti studi approfonditi sul Mais Ogm. Lo scopo dell’articolo è quello di rendere maggiormente informati i consumatori americani (noi crediamo anche italiani). Nel nostro paese, infatti, le norme sugli OGM esistono. In particolare il regolamentoeuropeo 1830/2003, che detta le norme per l’etichettatura e la tracciabilità degli OGM e introduce l’obbligo di etichettare come “prodotto da OGM” anche gli alimenti nei quali non è possibile reperire materiale genetico, come gli oli. Viene ammesso dal regolamento un limite dello 0.9% per la presenza accidentale di OGM (purché autorizzati) in alimenti non OGM. Anche se attualmente non ci sono colture OGM in Italia (se non a livello sperimentale), non significa che sia un Paese “OGM free”. Infatti la gran parte dei mangimi utilizzati negli allevamenti italiani (esclusi gli allevamenti biologici) è prodotta a partire da soia e mais geneticamente modificati importati da Stati Uniti, Canada e America Latina. L’Italia infatti produce solo l’8% della soia di cui necessita.

*Ecco l’elenco della marche di cereali:

Cocoa Puffs
Corn Chex
Frosted Flakes
Honey Graham Oh’s
Honey Nut Chex
Kashi Heart to Heart
Kellogg’s Corn Flakes
Kellogg’s Corn Pops
Kix
Barbara’s Bakery Puffins Peanut Butter

>Fonte<  

Redatto da Pjmanc: https://ilfattaccio.org

 

LE 10 MARCHE DI CEREALI CHE POSSONO CONTENERE IL MAIS OGM DELLA MONSANTO

LA LISTA PUBBLICATA DAL SITO naturalnews.com

nessun allarme per la salute, solo la volontà di informare i consumatori.Il sito naturalnews.com ci tiene a precisare che i seguenti cereali per la colazione possono contenere mais geneticamente modificato prodotto dalla Monsanto.Quello che il sito sottolinea è che negli Stati Uniti non è dato conoscere il contenuto esatto di questi cereali. I produttori, infatti, non offrono queste informazioni sulle etichette. Negli USA è legale farlo e tutto ciò va a compromettere il consumatore. I seguenti cereali non provocano tumori e non sono un pericolo per la salute. Al momento, infatti, non sono stati ancora fatti studi approfonditi sul Mais Ogm. Lo scopo dell’articolo è quello di rendere maggiormente informati i consumatori americani (noi crediamo anche italiani). Nel nostro paese, infatti, le norme sugli OGM esistono. In particolare il regolamentoeuropeo 1830/2003, che detta le norme per l’etichettatura e la tracciabilità degli OGM e introduce l’obbligo di etichettare come “prodotto da OGM” anche gli alimenti nei quali non è possibile reperire materiale genetico, come gli oli. Viene ammesso dal regolamento un limite dello 0.9% per la presenza accidentale di OGM (purché autorizzati) in alimenti non OGM. Anche se attualmente non ci sono colture OGM in Italia (se non a livello sperimentale), non significa che sia un Paese “OGM free”. Infatti la gran parte dei mangimi utilizzati negli allevamenti italiani (esclusi gli allevamenti biologici) è prodotta a partire da soia e mais geneticamente modificati importati da Stati Uniti, Canada e America Latina. L’Italia infatti produce solo l’8% della soia di cui necessita.

Ecco l’elenco della marche di cereali:

Cocoa Puffs
Corn Chex
Frosted Flakes
Honey Graham Oh’s
Honey Nut Chex
Kashi Heart to Heart
Kellogg’s Corn Flakes
Kellogg’s Corn Pops
Kix
Barbara’s Bakery Puffins Peanut Butter

fonte : www.naturalnews.com – www.cadoinpiedi.it

Redatto da Pjmanc: https://ilfattaccio.org