LO STRANO CASO DEL PESCE ARTISTA + Video

IL FOTOGRAFO GIAPPONESE YOJI OOKATA ha scoperto qualcosa che non aveva mai visto prima: dei motivi geometrici nella sabbia, il cerchio era a circa di sei metri di diametro a circa 80 piedi (ndr: 80 piedi = 24 metri circa). Tornò sul posto con un’equipe televisiva per documentare ciò che definì il “cerchio del mistero.”Utilizzando macchine fotografiche subacquee il team ha scoperto che l’artista è un piccolo pesce palla che senza sosta per tutto il giorno e la notte per crea queste sculture utilizzando il gesto di una sola pinna. Attraverso un’attenta osservazione, il team ha scoperto che i cerchi servono ad una vasta gamma di funzioni ecologiche fondamentali, la più importante quella di attirare i pesci compagni.

VIDEO

Redatto da Pjmanc: https://ilfattaccio.org

CERCHI NELLO STAGNO USA – Colpa degli”alieni”o della natura? +Video

NELLA PICCOLA CITTA’ DI EDEN NEW YORK

la recente comparsa di misteriosi cerchi in un laghetto ghiacciato ha sconcertato i residenti. Circa una settimana fa, venerdì 22 marzo, nel corso di una tempesta di neve primaverile, Peggy Gervasio stava guardando il laghetto dalla sua casa quando ha notato insolite forme scavate nella neve che ricopriva la superficie dell’acqua: grandi cerchi che assomigliavano a pois giganti.L’associazione a qualcosa di misterioso è stata immediata. Racconta la donna alla tv locale WGRZ di non aver mai visto nulla del genere in passato nello stagno: “È inquietante in un certo senso”. La donna ha poi reso note alcune foto dei cerchi nello stagno. Gli intervistati hanno offerto una serie di spiegazioni alquanto originali sugli cerchi, tra cui impronte di elefanti, flatulenze dei pesci e ovviamente gli alieni.Tuttavia, di solito, forme di questo tipo sono ‘apparse’ nei campi di grano o su prati d’erba, meno spesso sugli specchi d’acqua. Che gli alieni preferiscano non bagnarsi i piedi? Ironia a parte, da dove hanno origine questi cerchi nell’acqua?
ice-circleESISTONO MOLTE SPIEGAZIONI RAZIONALI

ad esempio, le sorgenti naturali spesso si “nutrono” di stagni con acqua leggermente più calda. Il congelamento dell’acqua sulla superficie dello stagno durante la stagione fredda fa sì che non appena l’acqua di sorgente più calda sale in superficie, scioglie la neve e il ghiaccio, creando talvolta queste forme.Inoltre, la vegetazione sul fondo dello stagno potrebbe rilasciare gas che lentamente salgono in superficie, creando l’effetto pois. Affascinanti formazioni circolari sono notoriamente presenti in tutto il mondo naturale, durante le stagioni del disgelo.Nelle aree di permafrost (come la tundra canadese settentrionale), l’espansione del ghiaccio sotto la superficie del suolo – un processo chiamato frost heaving – crea delle aree sollevate chiamate lithalsas. Queste ultime hanno spesso forma circolare o anulare.Non è colpa degli alieni, ma è merito della Natura.

 

VIDEO

 

*Francesca Mancuso

>Fonte<
Redatto da Pjmanc: https://ilfattaccio.org