THAILANDIA – Splendido tempio Buddista fatto interamente di bottiglie di vetro

bottigliebuddiste

INCASTONATE NEL CEMENTO OLTRE UN MILIONE DI BOTTIGLIE costituiscono i pavimenti, i porticati e le pareti del tempio, delle case dei monaci, di una pagoda e persino del forno crematorio, oltre che delle toilette per i turisti. Non si scoloriscono, illuminano gli interni e sono facili da pulire, hanno raccontato entusiasti i monaci creativi.E poiché qui nulla si distrugge ma tutto si trasforma, allora anche i tappi hanno avuto la loro metempsicosi. Sono rinati a migliaia nelle decorazioni e nei variopinti mosaici che abbelliscono le porte dei templi. Anche il mosaico più grande, quello che troneggia alle spalle della statua del Buddha, è interamente fatto di tappi.Lunga vita agli oggetti, dunque. Mille vite ancora anche per loro, in questo tempio buddista dove i materiali di scarto sono diventati un’opera d’arte.

FOTO

[easingsliderpro id=”33″]

 

Redatto da Pjmanc http:/ ilfattaccio

NUOVI CONTENITORI PER L’ACQUA – E’ nato Ooho dagli estratti di alghe

PLASTICA_OOHO

LE COMUNI BOTTIGLIE DI PLASTICA POTREBBERO ESSERE RIMPIAZZATE DA UNA BOLLA CHIAMATA OOHO. Un team di giovani designer e ricercatori, partendo dagli estratti di alghe brune, ha creato una membrana gelatinosa che funge da contenitore per l’acqua come una vera e propria bottiglia.Il processo utilizzato per creare Ooho si chiama sferificazione, lo stesso usato per alcuni cibi, che permette di rendere solida la parte esterna evitando che i liquidi fuoriescano. La membrana è commestibile ed è in grado di contenere l’acqua. In questo modo si elimina il problema dello smaltimento della plastica. Gli inventori grazie alla loro creazione hanno già vinto il premio Lexus Design Awards 2014 anche se stanno cercando ancora di migliorare la creazione prima di lanciare un prototipo sul mercato.La membrana che permette di trasportare l’acqua può essere forata in qualunque momento, quando si ha sete per bere o anche decidere di mangiarla per fare uno spuntino. Questo speciale contenitore potrebbe essere realizzato anche a casa avendo un costo di realizzazione bassissimo. Dei prodotti simili sono stati già inventati per contenere cibo, ma è la prima volta che si progetta qualcosa che potrebbe definitivamente sostituire le bottiglie di plastica.

Redatto da Pjmanc: https://ilfattaccio.org

VUOI COSTRUIRE UNA SERRA? – Ti bastano 1000 bottiglie di plastica

serra_bottiglie_PLASTICA

IL WEB E’ PIENO DI PROGETTI FAI DA TE CHE PREVEDONO L’USO DI MATERIALI A BASSO COSTO COME LE BOTTIGLIE DI PLASTICA.Negli ultimi 20 anni, infatti, è cresciuta la consapevolezza degli effetti negativi che le nostre azioni e abitudini possono avere sull’ambiente. Oggi, riciclare oggetti non è più solo una moda, ma una necessità. E per fortuna è diventata una sana abitudine. Un modo per fare buon uso di bottiglie in plastica usate è la costruzione di una serra a basso costo. Per una struttura convenzionale a forma di rettangolo, avrete bisogno di circa 1000 bottiglie di plastica da 1.5 litri. Con questo grosso quantitativo di rifiuti che altrimenti sarebbero finiti in discarica potrete realizzare una struttura di 2 metri x 2 metri. Il trucco è costruire una parete alla volta, per poi assemblarle.

serra_bottiglie_PLASTICAUN ALTRO CONSIGLIO DA SEGUIRE PRIMA DI INIZIARE è di misurare le bottiglie che avete a disposizione. In questo modo, il telaio sarà esattamente della dimensione desiderata.Se però ci fosse qualche errore di calcolo, si potrà facilmente tagliare qualche bottiglia. A questo punto, è tutta una questione di taglio delle bottiglie e di incollaggio tra di loro e al telaio di legno. Naturalmente vanno considerati anche i lavori per sistemare la struttura in legno sul pavimento. Assicuratevi di avere un paio di pezzi di legno posizionati sotto il telaio. Versate un po’ di silicone tra le bottiglie fino a completare la parete. Fate lo stesso per ognuna.E ricordatevi di progettare un’apertura per la ventilazione. Potete completare il tutto anche con un tetto di paglia e, se vi avanzano un po’ di bottiglie, potete costruire intorno alla struttura un bel muretto di plastica. Come vedete, c’è molto da fare.

>Fonte<
Redatto da Pjmanc: https://ilfattaccio.org

THAILANDIA – Tempio buddista fatto interamente di bottiglie di vetro

Wat-Lan-Kuad

INCASTONATE NEL CEMENTO OLTRE UN MILIONE DI BOTTIGLIE costituiscono i pavimenti, i porticati e le pareti del tempio, delle case dei monaci, di una pagoda e persino del forno crematorio, oltre che delle toilette per i turisti. Non si scoloriscono, illuminano gli interni e sono facili da pulire, hanno raccontato entusiasti i monaci creativi.E poiché qui nulla si distrugge ma tutto si trasforma, allora anche i tappi hanno avuto la loro metempsicosi. Sono rinati a migliaia nelle decorazioni e nei variopinti mosaici che abbelliscono le porte dei templi. Anche il mosaico più grande, quello che troneggia alle spalle della statua del Buddha, è interamente fatto di tappi.Lunga vita agli oggetti, dunque. Mille vite ancora anche per loro, in questo tempio buddista dove i materiali di scarto sono diventati un’opera d’arte.

FOTO

[easingsliderpro id=”5″]

Redatto da Pjmanc http:/ ilfattaccio

RISCALDARE L’ACQUA CON LE BOTTIGLIE DI BIRRA

BOTTIGLIE

66 BOTTIGLIE DI BIRRA VUOTE POSSONO SEMBRARE UTILI PER UNA FOMA PIU’ CLASSICA DI RICICLAGGIO.Ma un contadino in Cina li ha usati per creare un circuito ad energia solare per l’acqua calda. Ma Yanjun, che vive nel villaggio Qiqiao in Cina non aveva acqua in casa è ha dovuto ingegnarsi per creare acqua calda per l’anziana madre. “Ho inventato questo per mia madre. Voleva fare la doccia comodamente”. Sul tetto di casa ha costruito una griglia di 66 bottiglie di birra. Ogni bottiglia è collegata al sistema con alcuni tubi di gomma, che permettono all’acqua di scorrere tra le bottiglie di birra. L’acqua in bottiglia è riscaldata dal sole e convogliata nel bagno di casa. Il sistema fai da te fornisce acqua calda per fare la doccia a sufficienza per tre persone. Ma anche se le modalità di realizzazione tramite bottiglie può essere unica, la sua idea non lo è. Infatti gli scaldabagni ad energia solare esistono in varie forme da cento anni e si sono diffusi in alcuni paesi occidentali nel 1970. Ci sono diverse aziende che costruiscono e vendono pannelli solari termici per l’acqua calda. Un riscaldatore di acqua solare può far risparmiare diversi euro oltre al risparmio ambientale che tale dispositivo produce. Purtroppo in una giornata nuvolosa può solo produrre acqua tiepida nella migliore delle ipotesi, perché il sistema dipende dal calore del sole.

riciclareI PANNELLI SOLARI FAI DA TE SONO COMUNI NELLE NAZIONI PIU’ POVERE.In cui l’elettricità e altri servizi possono essere scarsi. Alcuni pannelli solari per l’acqua calda utilizzano grandi botti per raccogliere e immagazzinare l’acqua calda. Indipendentemente delle origini della sua invenzione, molti nel suo paese sono rimasti impressionati dalla sua singolare idea di produrre acqua calda. Dieci abitanti del villaggio hanno già installato questo sistema fai da te per il riscaldamento sui tetti delle loro case.

 

 

 

Fonte: www.bcasa.it

Redatto da Pjmanc http:/ ilfattaccio