NON SI VIVE SOLO DI SPRED

Avete presente quei nodi che più ti dimeni e più si stringono? L’unica sarebbe tagliarli. Così sembra essere per le politiche di austerity: man mano che si procede la lungimiranza economica del governo Monti (in linea con i diktat della UE) si dimostra però meno “lungimirante”.Perché taglia la leva pubblica dell’economia, riduce sempre più il reddito dei lavoratori e dei ceti sociali più deboli, i consumi si deprimono e i dati economici peggiorano.Così le manovre economiche che dovevano aggiustare il rapporto deficit/Pil di quest’anno sono già insufficenti… L’Italia è in piena recessione, le stime del governo sulla diminuzione del Pil nel 2012 sono passate da -0,4% a -1,2% (e il Fondo Monetario Internazionale prevede addirittura -1,9%). Le “misure per la crescita” si sono rivelate una barzelletta… Così per rispettare i diktat della famosa letterina della BCE di questa estate, il governo avrà bisogno di tagliare altri dieci miliardi di euro a giugno… e non sa proprio dove pescarli, visto che ha gia raschiato il fondo del barile.

I TECNICI SPINGONO PER ANTICIPARE A GIUGNO L’AUMENTO DELL’IVA DAL 21% AL 23%

(con inevitabile aumento dei prezzi). Questo dovrebbe portare nelle casse dello Stato poco più di sette miliardi di euro all’anno. Però visto che si comincia a giugno, per il 2012 saranno la metà. E allora c’è bisogno di (molto) altro. E qualcosa vedrete troveranno… nelle nostre tasche.Intanto la disoccupazione e ai massimi del nuovo millennio (9,3%) e la pressione fiscale ha battuto il record, passando dal 42,5% del 2011 al 45,1% e l’anno prossimo aumenterà ancora!La domanda è: visto che questa politica è fallimentare, non si può cambiare politica economica e rispolverare almeno il vecchio Keynes!? Investire invece di tagliare, tagliando piuttosto un po’ dei profitti della grande finanza internazionale. È necessario ricontrattare il debito con le sanguisughe della finanza che si sono ingrassate in questi decenni e introdurre una leva fiscale europea per sostenere l’economia.La Germania invece insiste per l’austerity per un potente rigurgito protezionista e perché deve garantire i crediti delle sue banche, ma questo sta affondando l’Europa intera, come il creditore che strozza definitivamente il suo debitore. E alla fine colpirà la Germania stessa che non avrà più mercati. Dopo la Grecia e il Portogallo, ora nell’occhio del ciclone c’è la Spagna (debito che decolla e disoccupazione al 23%) ma l’Italia viene a ruota… Bisogna fermarsi!

Fonte: isegretidellacasta.blogspot.it
Redatto da Pjmanc: https://ilfattaccio.org

Di pjmanc

2 pensiero su “ITALIANI TIRATE FUORI I PORTAFOGLI- A LUGLIO NUOVA MANOVRA DA 10 MILIARDI”
    1. QUANDO RIMARREMO PROSCIUGATI COME QUEL PORTAFOGLIO

      ALLORA CAPIRANNO…….MA ANCHE LORO DEVONO MORIRE .COME NOI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.