EMOTIONS – Le faccine stanno cambiando il nostro modo di pensare

LE PRIME EMOTIONS COMPARSE NEL 1980 DIVENTANO MOLTO POPOLARI.Sono considerati divertenti, simpatici e utili. Eppure, secondo uno studio condotto da alcuni scienziati australiani, stanno cambiando il modo in cui funziona il nostro cervello.La più antica apparizione di una emoticon risalirebbe al 1862, nientedimeno che all’interno della trascrizione di un discorso del presidente Abraham Lincoln.Il testo […]

CERVELLO UMANO – Gli scienziati scoprono una nuova parte

SE IL CERVELLO FOSSE COSI’ SEMPLICE, SAREMMO COSI’ SEMPLICI CHE NON CI SAREBBE NULLA DA CAPIRE. La frase è attribuita a Emerson M. Pugh e concisa e spiega perché è così complicato lo studio del cervello umano. Il poeta Claudio Rodriguez afferma che è molto difficile prevedere l’autopsia stessa, e anche si è parlato di […]

SKY E LA PUBBLICITA’ DIRETTAMENTE NEL CERVELLO – Al via la sperimentazione sui treni +Video

SKY GERMANIA STA SPERIMENTANDO IL MODO PER MANDARE LA PUBBLICITA’ DIRETTAMENTE NEL CERVELLO DEGLI UTENTI.La pubblicità che penetra direttamente nel cervello sta diventando realtà: l’agenzia pubblicitaria BBDO Germania, al servizio di Sky Deutschland, ha inventato una maniera efficace per trasmettere gli annunci direttamente nel cervello delle persone. Sfrutta la “tecnologia di conduzione ossea”, che trasmette […]

EINSTEIN – Ecco a voi il segreto della genialità

UN NUOVO STUDIO CONDOTTO SUL CERVELLO DEL CELEBERRIMO FISICO TEDESCO SUGGERISCE CHE LA SUA GENIALITA’ RISIEDEREBBE NEL FORTISSIMO COLLEGAMENTO TRA I DUE EMISFERI CEREBRALI. Grazie alle meravigliose intuizioni scientifiche, alla formulazione di teorie – come quella della relatività – che hanno letteralmente trasformato il mondo della fisica e dell’astronomia, il fisico e filosofo tedesco (naturalizzato […]

PLACEBO E FARMACI – Nel cervello si attiva lo stesso meccanismo

E’ UNA DELLE QUESTIONI PIU’ BATTUTE A LIVELLO MEDICO E SCIENTIFICO.Si tratta del cosiddetto effetto placebo.Da diversi anni, ormai, circolano numerosi studi, che nel corso del tempo hanno cercato di “dare una spiegazione” sulle correlazioni tra la somministrazione di un “placebo” (un’eventuale sostanza senza alcun “principio attivo”),e le “reazioni” da parte del corpo umano, anche a livello […]

I VELENI NASCOSTI

  ESISTONO DUE TIPI DI VELENI Quelli che provocano danni immediati e quelli che provocano danni diluiti nel tempo.I primi sono facilmente riconoscibili, tutti li conosciamo e tutti li riconosciamo, sono quelle sostanze che, entro poche ore da quando le abbiamo inserite nel nostro corpo, ci causano problemi, dolori, nausea, vomito etc.Gli altri invece sono […]

IN ARRIVO LA SUPER LUNA

IL 6 MAGGIO LA LUNA SARA’ AL PERIGEO Il punto più vicino alla Terra dell’orbita geocentrica, permettendo all’astro, che sarà nella fase di Luna Piena, di avere le dimensioni più grandi dell’anno. Questo accade in quanto l’orbita della Luna non è perfettamente circolare, ragione per cui alterna la sua distanza dal nostro pianeta, che nel […]

VALIUM E ANSIOLITICI CREANO TOSSICODIPENDENZA COME L’ EROINA !

SCOPERTO IL MECCANISMO D’AZIONE DELLE BENZODIAZEPINE SUL CERVELLO I farmaci ansiolitici a base di benzodiazepine (BDZ) come Valium e altri come Ativam, Xanax, secondo gli esperti creano dipendenza al pari di droghe come l’eroina. Ma come questo fosse possibile ancora non si sapeva. Ora, un nuovo studio pare aver fatto luce su questo processo scoprendo […]

LE 10 SCOPERTE SCIENTIFICHE DEL 2011

TEMPO DI BILANCI ANCHE PER LA SCIENZA Tempo di bilanci anche per la scienza, che in questo 2011 ha celebrato alcuni importantissimi risultati: dalla fisica all’astronomia, dalla medicina alla paleontologia, ecco tutte le scoperte più importanti dell’anno. Tradizione di ogni rivista scientifica, recentemente sbarcata anche sui quotidiani generalisti, la classifica delle 10 scoperte dell’anno è […]

-DOPO I 45 ANNI IL CERVELLO PERDE COLPI-

PER ARRESTARE IL DECLINO DELLE CAPACITA’ COGNITIVE appare sempre più indispensabile seguire stili di vita corretti.Il cervello comincia a perdere colpi a partire dai quarantacinque anni e non, come si è sempre pensato, dopo i sessanta. La notizia, che arriva dalle pagine del British Medical Journal, non fa certo piacere, ma ha la sua importanza: […]