VERSO L’ADDIO AI CONTANTI – Pos obbligatorio per professionisti e artigiani

VERSO L’ADDIO AI CONTANTI – Pos obbligatorio per professionisti e artigiani

pos-obbligatorio-

DA OGGI 30 GIUGNO PER I PAGAMENTI SOPRA I 30 EURO SARA’ OBBLIGATORIO L’USO DEL POS. Gli studi professionali e gli artigiani dovranno fornirsi della macchinetta che permette ai clienti di pagare con il bancomat o la carta di credito. Secondo l’articolo 15 del decreto legge 179 del 2012, il pagamento degli onorari dei professionisti deve essere tracciabile e quindi deve avvenire con moneta elettronica (bancomat), bonifico bancario o assegno. Tutto questo per contrastare l’evasione fiscale.La norma è stata quindi interpretata e tradotta con l’obbligatorietà di essere dotati di Pos, ma non tutti i professionisti sono d’accordo, visto i costi che ne deriverebbero, specialmente di fronte ad operazioni che non prevedono grandi flussi di denaro (la macchinetta elettronica di cui si dovranno dotare le partite Iva ha un costo annuo e varie commissioni).Critiche sono state rivolte alla norma che presenta anche un altro aspetto paradossale: per chi non si doterà di terminale di pagamento elettronico non è prevista alcuna sanzione, almeno per ora.

 

pos-obbligatorioLA REAZIONE DEI LAVORATORI. Le reazioni da parte dei professionisti e dei loro rappresentanti sono state molto accese. Il presidente del consiglio nazionale degli architetti ha fatto notare come tutto ciò si traduca in una vera e propria costrizione per i professionisti, che devono sostenere dei costi per l’attivazione, l’installazione e l’utilizzo del Pos. Molti obiettano che la tracciabilità può essere garantita anche da altri strumenti, come il bonifico bancario o le carte di credito virtuali. In questo modo si attiverebbe sempre un certo controllo ai fini fiscali e i professionisti non avrebbero degli oneri.
L’Antitrust
Da parte sua, l’Antitrust è d’accordo all’utilizzo dello strumento elettronico, perché da sempre ha sottolineato come sia necessario favorire la diffusione anche di altri sistemi di pagamento. Secondo l’autorità, l’introduzione del Pos non è da interpretare come una restrizione della concorrenza. In fin dei conti l’Antitrust ha colto l’occasione per ricordare come sia necessario intervenire, in modo da procedere ad una riduzione dei costi delle commissioni bancarie.
I consumatori
Le associazione dei consumatori sono molto critiche, l’Adusbef parla di “ennesima farsa per favorire le banche”, e il Codacons ha parlato del provvedimento come una “buffonata“. Il fatto discutibile e grave, secondo il presidente Carlo Rienzi, è che non è prevista alcuna sanzione per chi non si dota del Pos: “Ciò significa che, nonostante vi sia un obbligo, lo Stato non è in grado di farlo rispettare, e i commercianti che da oggi 30 giugno non si doteranno di Pos, non rischieranno nulla, e potranno comportarsi come meglio credono“.

Redatto da Pjmanc: http://ilfattaccio.org

One Comment

  1. LA VERITA’ SUI POS DI IGB: La rivincita de quer popolo un po’ cojone.. Il SISTEMAIGB [fa] instaura [re] una nuova regola: da domani primo di luglio dell’anno del signore[1] duemilakatorse il pagamento di prestazioni avverrà tramite apparecchi POS, obbligatori [teoricamente] per i liberi professionisti, artigiani et similia.
    Il primo trappolone. Il popolino, tutto contento di mostrare quanto sia furbo e difficile da inoculare carnalmente[2] in questa bagarre di leggi e leggine in materia[3], si ribella e mostra la propria sagacia: non c’è sanzione per chi non ha la macchinetta magggica sulla propria scrivania! ORRORE!! Come dire: c’è l’obbligo delle cinture di sicurezza ma se non te le metti (ma proprio non ce l’hai in auto) non importa. Er popolino nun ce sta’ a questa (ennesima, agli occhi suoi di povero asino perennemente bastonato) facilitazione pro-evasore-fiscale (e ovviamente non è che sbaglia di molto, in finale, quando si parla di libero professionista ed evasione fiscale).
    [ continua su http://goo.gl/Oc3PHb ]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.