COOP – Guardate da dove provengono i loro prodotti + Video

COOP – Guardate da dove provengono i loro prodotti + Video

prodotti-coop

GUARDATE QUESTO INTERESSANTISSIMO VIDEO DI MAX BUGANI SUI PRODOTTI COOP,che dimostra la vera provenienza ed i produttori di tali prodotti.Ecco cosa portate a casa.Lo shopping è all’ ordine del giorno,l’acquisto di prodotti alimentari lo è ancor di più,ma non ci poniamo mai domande sulla provenienza di un prodotto, perchè crediamo che se la marca è italiana allora il prodotto in questione è made in italy,completamente italiano composto da materie prime italiane.Purtroppo non è cosi’, crediamo di aver acquistato un prodotto genuino italiano quando invece potrebbe essere “radioattivo” a causa della provenienza delle materie prime utilizzate per la sua creazione..

VIDEO

>Fonte<
Redatto da Pjmanc: http://ilfattaccio.org

10 Comments

  1. Nessuno scandalo, solo speculazione giornalistica di bassa lega (compreso il titolo).
    Ha preso in considerazione la linea “economy” della Coop, dove la pasta costa circa 50 centesimi o meno (Tra l’altro la produce Rummo). Ho fatto la stessa prova con i prodotti di “qualità” a marchio Coop “Biologico” e “Fior Fiore” e gli ingredienti di base sono Italiani (se il prodotto è una cosa tipica italiana). Infatti quando sono totalmente nostrani in generale c’è scritto sulla confezione (perché se ne vantano), quando non c’è scritto e sono sotto-costo rispetto alla concorrenza è perché prendono ingredienti sul mercato internazionale (il che non vuol dire che non sono buoni).
    PS: Neanche le marche tipiche Barilla, Buitoni, etc comprano solo grano italiano. 

      1. è arrivato il simpatico… La roba della coop è radioattiva sì, certo, come no. Infatti di notte vedo la coop illuminarsi di verde come la centrale nucleare di Springfield.

  2. Buongiorno, credo che prima di pubblicare certi articoli bisognerebbe informarsi su alcuni temi come ad esempio politiche agroalimentari europee (a cui dobbiamo sottostare) ed effettiva produttività delle aree agricole italiane in relazione al fabbisogno alimentare della popolazione, Vedi a tal proposito l’articolo a pag. 6 del numero di novembre 2013 del bimestrale disponibile al link:

    http://www.consumatori.e-coop.it/index.php/edizioni/coop-lombardia/?ccm_paging_p_b5274=1

    Inoltre la Coop almeno mostra una certa trasparenza in merito, mettendo a disposizione una App con la quale si ricava la provenienza dei singoli ingredienti (cosa che altri marchi legati a grandi catene di supermercati non mi risulta abbiamo ancora fatto).

    Capisco che in linea teorica sarebbe bello – e logico- poter consumare tutto ciò che è prodotto in Italia, ma questa è ormai un’utopia che va mediata con quanto citato sopra (politiche agroalimentari europee, produttività delle aree agricole, ecc) a cui aggiungere comunque un ritorno economico del produttore.
    L’unica alternativa a tutto questo potrebbe essere l’acquisto diretto dai produttori tramite i GAS ad esempio. Per chi come me non ne ha la possibilità, la Coop resta il miglior compromesso…
    Grazia

  3. Che significa ? Dove è lo scandalo ? Hanno cercato di nascondere la provenienza ? Se il finocchio è coltivato in Egitto che male c’è ? Se il pompelmo viene da Cuba ? Dice quel genio: cosa cavolo ci mangiamo …. per fortuna nulla della italianissima Campania. Chi vuole mangiare verdure coltivate su suolo radioattivo e altamente tossico ?

  4. Scusate ma chi ha mai detto che i prodotti a marchio coop sono italiani??? Se un prodotto è italiano viene specificato sopra la scatola, ma non mi sembra che nessuno abbia mai pubblicizzato questi prodotti spacciandoli per italiani… mha… sono allibita da certa ignoranza… tempo da spracare per fare sto video!!!

  5. Rimane il fatto che può mangiare italiano solo chi se lo può permettere. Perché dati i tempi, la gran parte della gente ormai compra prevalentemente questi prodotti.

  6. Dove sarebbe lo scandalo? Mi sono precipitato a guardare il video già inferocito temendo un qualche attentato alla salute pubblica,veramente potresti impiegare il tuo tempo in maniera più proficua anziché pubblicare così tante idiozie.

  7. Il personaggio che ha fatto sto video è semplicemente un buffone.
    La trasparenza che fornisce la Coop deve essere soltanto apprezzata, in quanto prendendo prodotti all’estero non vuol dire che la qualità sia inferiore…
    E mi meraviglio del titolo dell’articolo, proprio di bassa lega.
    Pensavo che il modo di fare informazione di questo sito fosse diverso da quello degli altri siti, evidentemente mi sbagliavo…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.