LOVEJOY – Sarà lei la cometa di Natale

LOVEJOY – Sarà lei la cometa di Natale

lovejoy

ISON ORMAI E’ ANDATA PRATICAMENTE DISTRUTTA come Icaro per aver volato troppo vicino al Sole. Niente paura però, perché un’altra cometa continuerà a farci compagnia per tutto il periodo natalizio. È la cometa Lovejoy R1, osservabile nel cielo notturno anche a occhio nudo già dai primi di novembre. La sua orbita ha raggiunto la distanza minima dalla Terra il 19 dello scorso mese, passando a circa 37 milioni di chilometri dal nostro pianeta. Continuerà però ad essere visibile per tutto dicembre (qui potete osservare il suo percorso in tempo reale), e dovrebbe raggiungere il perielio, la distanza minima dal sole, proprio il 25.A scoprirla il 7 settembre scorso è stato un prolifico astronomo dilettante, l’australiano Terry Lovejoy, al suo secondo avvistamento importante. Nel 2011 infatti era stato lui il primo ad osservare C/2011 W3 (o Lovejoy W3), la cometa kamikaze che percorse 140mila chilometri all’interno della corona solare emergendone più o meno intatta, tra lo stupore di esperti ed appassionati.

 

orsa_maggioreLA NUOVA LOVEJOY (NOME UFFICIALE C/2013 R1) segue invece un orbita meno pericolosa, che la porterà a non più di 121 milioni di chilometri dal Sole. Si tratta di una cometa di lungo periodo, e la sua prossima visita nei pressi della Terra sarà quindi tra circa 7.000 anni (l’ultima volta era passata più o meno quando l’uomo stava inventando la ruota). Meglio approfittarne dunque, anche perché per tutto dicembre dovrebbe essere possibile osservarla ad occhio nudo e fotografarla con macchine digitali e cellulari.Trovarla non è difficile: basta prendere come riferimento l’orsa maggiore, e prolungare la linea immaginaria che collega le ultime due stelle del grande carro fino ad individuare Arturo, il corpo celeste più luminoso della costellazione di Boote. Lovejoy dovrebbe trovarsi proprio da quelle parti (qui una descrizione più dettagliata della posizione precisa della cometa per tutto il mese). Pronti ad una levataccia però, perché l’orario migliore per le osservazioni è tra le 4 e le 5 del mattino.

>Fonte< 
Redatto da Pjmanc: http://ilfattaccio.org

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.