MONSANTO – Vince il premio nobel per l’agricoltura ogm

MONSANTO – Vince il premio nobel per l’agricoltura ogm

Monsanto-premio-nobel

ANCHE SE NON DI COSI’ ALTO PROFILO il Premio alimentare mondiale annuale è spesso definito come il “Premio Nobel” per l’agricoltura, e i vincitori di quest’anno – scienziati con un ruolo chiave nello sviluppo di colture geneticamente modificate – può avere un’attenzione indesiderata.Mercoledì scorso, i vincitori del World Food Prize sono stati annunciati al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, con la presenza del Segretario di Stato John Kerry. Il premio di quest’anno sarà condiviso tra tre scienziati: Marc Van Montagu, Mary-Dell Chilton e Robert Fraley, tutti pionieri nel campo della biotecnologia agricola.Fraley è attualmente il primo ufficiale tecnologia al gigante biotech Monsanto, mentre Mary-Dell Chilton è il fondatore di Syngenta Biotechnology, un’altra società biotech prominente. Nel conferire il premio, la Fondazione afferma che le colture geneticamente modificate offrono rendimenti più elevati, e sono più resistenti alla peste e al tempo avverso.“Questi tre scienziati sono stati riconosciuti per le loro realizzazioni innovative, individuali indipendenti in fondazione, sviluppo e applicazione di moderne biotecnologie agricole”, ha detto Kenneth Quinn, presidente della Food Prize World Foundation.

ogm-omgGLI ALIMENTI GENETICAMENTE MODIFICATI SONO GENERALMENTE ACCETTATI NEGLI STATI UNITI,come dimostrano le varietà OGM di soia e mais popolari tra gli agricoltori, non sono approvati per la coltivazione in Europa, e la loro introduzione in altri mercati, come l’India e la Cina, è stato limitato. Paesi europei come l’Ungheria si sono spinti fino a distruggere intere spedizioni di seme scoperto come geneticamente modificato.La futura area di libero commercio fra Usa e Europa, non solo non creerà lavoro per gli europei, ma solo per gli statunitensi (vedi Fiat), ma potrebbe obbligarci a mangiare cibi contraffatti e creati in laboratorio probabilmente dannosi per la salute.E infatti Van Montagu ha detto di sperare “che questo riconoscimento aprirà la strada per l’Europa di sfruttare i vantaggi di questa tecnologia, una condizione essenziale per l’accettazione globale di piante transgeniche.”
>Fonte< 
Redatto da Pjmanc http:/ ilfattaccio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.