ECCO COM’E’ ANTARTIDE SOTTO LO STRATO DI GHIACCIO

ANTARTIDE SENZA GHIACCIO

LA SI POTREBBE DEFINIRE LA TERRA DEGLI ECCESSI

Il continente più freddo, più secco, più ventoso, più elevato del mondo. Anche se si trova isolato alla ‘fine del mondo’, l’Antartide è uno dei continenti che più influisce sull’andamento climatico del nostro pianeta. Le sue proporzioni sono enormi; le cifre possono apparire aride, ma rendono l’idea: l’Antartide copre 5,4 milioni di miglia quadrate, equivalenti al 10% della superficie emersa della Terra, che corrispondono grossomodo all’estensione degli Stati Uniti e del Messico insieme, ma durante l’inverno australe il ghiaccio marino porta il continente a più del doppio della sua grandezza.Ma l’Antartide è anche uno dei deserti più aridi della Terra. Per il 99%, l’Antartide è coperta da una perenne coltre di ghiaccio che ha uno spessore medio quasi di due chilometri; in alcuni punti, lo spessore è quasi di quattro chilometri. Il 90% del ghiaccio ed il 70% dell’acqua fresca esistenti al mondo sono serrati in questa massa di ghiaccio.

 

CON I SUOI GHIACCIAI IMPONENTI

Antartide esibisce scenari mozzafiato. Gli scienziati, però, sono preoccupati per le conseguenze che i cambiamenti climatici in atto possano avere sui ghiacciai del Polo Sud. Per sapere esattamente in che modo si comporterà il ghiaccio con il cambiare delle condizioni climatiche, i ricercatori devono sapere cosa c’è sotto la calotta.Grazie ai dati raccolti dal satellite ICESat della NASA e dalla missione IceBridge Operation, i ricercatori del British Antartic Survey hanno realizzato una mappa precisa e dettagliata della regione meridionale del continente antartico sepolta sotto la coltre di ghiaccio. La mappa è il risultato di decenni di raccolte dati e di misurazioni geofisiche.“Al fine di simulare accuratamente la risposta dinamica delle lastre di ghiaccio alle mutevoli condizioni ambientali, come la temperatura e l’accumulo di neve, abbiamo bisogno di conoscere  la forma e la struttura della roccia sotto le lastre di ghiaccio in grande dettaglio”, ha spiegato Micheal Studinger, del progetto IceBridge e scienziato della Nasa.

 

CONOSCERE LA MORFOLOGIA DEL SUBSTRATO ROCCIOSO E’ FONDAMENTALEantartico-02

in quanto influisce sulla modellazione del ghiaccio, determinando la sua forma e suoi movimenti. Chiaramente, il ghiaccio si muoverà più velocemente in discesa, mentre in salita o su un terreno accidentato si muoverà più lentamente.“La forma del substrato è l’incognita più importante e che maggiormente influisce sulla dinamica del ghiaccio”, ha spiegato Sophie Nowichi, scienziata della NASA esperta in ghiacciai.“I ghiacciai si sviluppano a causa della neve e si comportano come il miele versato su un piatto, diffondendosi verso l’esterno a causa del suo stesso peso. Il movimento del miele è influenzato dalla forma del piatto”. VIDEO

 

>Fonte< 
 Redatto da Pjmanc: http://ilfattaccio.org

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.