PESTICIDI – Roundup causa mutazioni genetiche negli anfibi

monsanto roundup

UNA NUOVA RICERCA CONDOTTA DA UN TEAM DI BIOLOGI STATUNITENSI MOSTRA COME I PESTICIDI IN PARTICOLARE ROUNDUP DELLA MONSANTO

possano indurre cambiamenti morfologici in un vertebrato. Nello studio gli effetti sono stati verificati sugli anfibi.L’erbicida Roundup della Monsanto provoca mutazioni negli anfibiL’erbicida Roundup della Monsanto provoca mutazioni negli anfibi. Lo rivela il recente studio The impact of insecticides and erbicides on the biodiversity and productivity of aquatic communities, che è stato realizzato da un team di biologi statunitensi, del Dipartimento di scienze biologiche dell’università di Pittsburgh.La ricerca ha valutato che gli esperimenti di laboratorio, condotti su singlespecies, non sempre permettono di verificare in maniera efficace gli effetti indiretti dei pesticidi sugli organismi che insistono su un particolare contesto ecologico e su quelli non bersaglio.

 

girinoIN PARTICOLARE HANNO STUDIATO L’IMPATTO DI 4 PESTICIDI

-2 insetticidi, carbaryl (Sevin) e malathion, due erbicidi, glifosato Roundup e il 2,4-D – sulla biodiversità delle comunità acquatiche contenenti alghe e 25 specie di animali. I risultati hanno messo in evidenza che la ricchezza di specie è stata ridotta del 15% con il Sevin, del 30% con malathion, e del 22% con il Roundup, mentre il 2,4-D non ha avuto effetto.Il Roundup ha completamente eliminato due specie girini e quasi sterminato una terza specie.Gli insetticidi hanno anche ridotto la diversità e la biomassa di insetti predatori, ma non hanno avuto effetto sulle lumache. I due erbicidi non hanno avuto effetti sugli insetti predatori o sulle lumache, ma il Roundup di Monsanto ha completamente eliminato due specie girini e quasi sterminato una terza specie, con un conseguente calo del 70% dell’abbondanza delle specie di girini.

 

IL ROUNDUP cartello_pesticidi

erbicida sistemico ad ampio spettro, anche in concentrazioni sub-letali ma rilevanti per l’ambiente, ha causato cambiamenti morfologici in due specie di anfibi. A dimostrarlo è questa ricerca, che fornisce anche una buona prospettiva sugli effetti indiretti dei pesticidi rispetto agli organismi non bersaglio.I pesticidi, che sono usati per tutelare la produzione vegetale, possono avere conseguenze impreviste per le specie che non sono l’obiettivo del pesticida. Gli erbicidi non sono progettati per colpire gli animali, ma le ricerche sul campo dimostrano che possono avere una vasta gamma di effetti sorprendenti e imprevisti. Sono risultati molto importanti se si considera che gli anfibi servono non solo come un barometro della salute dell’ecosistema, ma anche come un indicatore di potenziali pericoli per le altre specie, compresi gli esseri umani.

di Daniela Sciarra

Fonte
Redatto da Pjmanc: http://ilfattaccio.org

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


quattro + = 10

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>