MONETA ELETTRONICA – L’ERA DEL CONTROLLO DI MASSA E’ ALLE PORTE

I CONTANTI HANNO LE ORE CONTATE

Già, perché dal primo luglio del 2013, per gli importi superiori a 50 euro potrebbe diventare obbligatorio il pagamento con il bancomat.E’ una misura a cui sta lavorando il governo Monti da inserire nel decreto Sviluppo due a cui sta lavorando l’esecutivo. Lo scopo del provvedimento sarebbe quello di semplificare la vita della gente e tenere sotto controllo l’illegalità, anche perché con la moneta elettronica si pagheranno pure le prestazioni professionali, occasione principe di evasione fiscale.“Spingeremo per una diffusione sempre più ampia della moneta elettronica perchè poche cose contrastano illegalità ed evasione, però naturalmente questa diffusione dev’essere tollerabile in termini di costi e gestita in maniera saggia in termini di tempistica“, ha spiegato il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera rispondendo in commissione Finanze della Camera a una domanda sul tema.Il pagamento obbligatorio col bancomat per spese superiori a 50 euro è la misura principale di un pacchetto che prevede anche l’introduzione della ricetta medica elettronica, della tessera unica per dati d’identità e sanitari e l’intensificazione della banda larga.
di – Italo Romano

fonte : www.oltrelacoltre.com

Redatto da Pjmanc http:/ ilfattaccio

One thought on “MONETA ELETTRONICA – L’ERA DEL CONTROLLO DI MASSA E’ ALLE PORTE

  1. Sulla fine del contante c’è da dire che se non verranno potenziate le linee ad alta velocità di banda larga, non si può fare un cavolo.
    Ricordiamo che fino a pochi mesi fa c’era uno al governo che ostacolava lo sviluppo della banda larga e consentiva il contante fino a 12 mila euro. Per favorire un certo sviluppo mafioso.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


9 − quattro =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>