IMU ALLA CHIESA ? ANCHE GESU’ CRISTO PAGAVA LE TASSE !!

A DIRLO E’ IL CARDINAL RAVASI

Con la citazione evangelica “date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio”, Cristo dimostra di pagare le tasse che è un problema che tocca tutti». Ma il decreto attuativo che impone il pagamento anche alla Chiesa ancora non arriva.La chiesa è finita di nuovo nella bufera dopo che è circolata la notizia che il decreto attuativo con cui il Governo si impegna a far pagare l’Imu anche agli immobili del Clero non destinati ad attività religiose è ancora in alto mare. Ad ogni modo, negli ambienti ecclesiastici c’è chi non ha dubbi sul fatto che la tassa più odiata dell’esecutivo tecnico di Mario Monti tocchi anche alla Chiesa. Lo ha detto, indirettamente, il cardinale Gianfranco Ravasi, di fronte ai cronisti giunti a Cernobbio per la tre giorni del Forum Ambrosetti. «Con la citazione evangelica “date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio”, Cristo dimostra di pagare le tasse che è un problema che tocca tutti dal punto di vista etico». Per corroborare il suo pensiero, il cardinale ha citato anche San Paolo, che nella lettera ai Romani, esattamente nel capitolo tredicesimo, «’invita chiaramente a pagare le tasse tutti i romani, e allora l’imperatore era Nerone». Poi una precisazione sul tanto discusso balzello alla Chiesa che andrebbe a rimpinguare le casse dello Stato per 600 milioni di euro: quello di un presunto privilegio della Chiesa è «una mitologia» che, secondo Ravasi, «bisogna sfatare», dal momento che, proprio grazie all’esenzione dal pagamento dell’Imu, la Chiesa ha potuto garantire attività e servizi per i bisognosi altrimenti non sostenibili e che comunque sarebbero stati «trascurati dallo Stato.

di –  Biagio Chiariello

fonte : http://www.fanpage.it

Redatto da Pjmanc http:/ ilfattaccio

3 thoughts on “IMU ALLA CHIESA ? ANCHE GESU’ CRISTO PAGAVA LE TASSE !!

  1. mah, veramente a me sembra giusto che la chiesa paghi le tasse fintanto che “produce” soldi; e di soldi ne produce talmente tanti da, dico io, vergognarsi…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


1 × = sette

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>