IL CSPI ACCUSA- UNA SOSTANZA CANCEROGENA E’ PRESENTE NELLE LATTINE DI COCA COLA

 4-METILIMIDAZOLO(4-MI) QUESTO E’ IL NOME DELLA SOSTANZA SOSPETTA DI AVERE EFFETTI CANCEROGENI PRESENTE NELLE LATTINE O BOTTIGLIE DI COCA-COLA

A denunciare questo fatto è stato il Cspi, l’ente di ricerca americano. In particolare, secondo l’ente questa sostanza è presente in concentrazioni assai diverse.Ecco alcuni dati diffusi dal centro studi: in California ci sono quattro microgrammi di 4-MEI, una soglia sotto il livello di rischio, in Brasile sono 267 microgrammi a lattina. In Kenia sono 170, invece in Gran Bretagna, Canada, Emirati Arabi Uniti e in Messico ci sono tra i 145 e i 160 microgrammi di 4-Mei.L’esperta Gianna Ferretti ha spiegato che la sostanza in questione è creata dalla produzione industriale di caramello artificiale, che si ottiene quando ci sono alte pressioni e temperature, grazie all’uso di ammoniaca e solfiti.E ancora: la pericolosità del 4-MEI si ha nel momento in cui viene somministrato a dosi molte elevate, addirittura negli animali si sono poi sviluppate diverse patologie tumorali (polmone, fegato, tiroide, sangue).Una tesi confermata anche da parte dell’International Agency for Research in Cancer, che ha ribadito il carattere cancerogeno della sostanza per gli animali e molto probabilmente anche per l’uomo.Una tesi che la Coca-Cola ha respinto in modo categorico e ha sottolineato la sicurezza dei suoi prodotti. Inoltre, il Sueddeutsche Zeitung ha riportato che la richiesta di diminuire il valore del 4-MEI è stata fatta solo per evitare problemi. «Non vogliamo complicazioni legali per le nostre bevande a causa di un allarme lanciato contro i pareri scientifici».
fonte : http://www.you-ng.it

Redatto da Pjmanc http:/ ilfattaccio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 + = dieci

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>