MANCA UNA VERA PERTURBAZIONE DA OLTRE UN ANNO : GRAVE ANOMALIA

NON TRANSITA UN VERO FENOMENO CON MOVIMENTO OVEST – EST DA OLTRE UN ANNO

Le carte nel medio termine vedono fronti anche spettacolari avanzare verso il Mediterraneo per poi rimangiarsi il tutto a pochi giorni dall’evento, con saccature pronte a  spezzarsi inesorabilmente all’altezza della Costa Azzurra o del Golfo del Leone, senza riuscire ad entrare in maniera decisa e compatta sul Mediterraneo centrale.Non traggano in inganno le situazioni alluvionali dello scorso autunno: quella era una situazione di blocco, una di quelle pericolose configurazioni che vedono sempre la presenza di un’alta ingombrante più ad est del Paese che non favorisce il passaggio benefico e senza traumi delle perturbazioni, ma lo incattivisce concentrandolo su ristrette fasce di territorio.

TROVIAMO CHE LA SITUAZIONE SIA GRAVISSIMA

Un fronte che innaffi adeguatamente e in modo democratico il nord e le regioni centrali tirreniche non si vede da oltre un anno. Si è parlato da ormai un ventennio di un rialzo del flusso zonale atlantico, ad eccezione di qualche annata fortunata, specie nel “famoso” mini trend 2000-2010, a cui è stato data forse l’impressione sbagliata (colpevolmente anche da noi) di un ribaltone climatico.Ora invece siamo tornati a fare i conti con passaggi difficili, anche quando sembra andare tutto in modo apparentemente normale. Va studiata nei dettagli la strana moria di fronti, o per meglio dire, la strana frontolisi che si verifica nel movimento delle perturbazioni tra l’Iberia e l’Italia, che lascia spesso letteralmente a bocca aperta anche gli addetti ai lavori.

SI DICE CHE L’ARIA FREDDA NON ALIMENTI A SUFFICIENZA I FRONTI

Si dice che le anomalie delle temperature superficiali del mare giocherebbero un ruolo importante, ma si tratta di spiegazioni ancora troppo confuse e contradditorie.Di certo sembra quasi che una sorta di triangolo delle Bermuda, tra Baleari, Monaco e la Corsica inibisca i passaggi perturbati. I fronti spesso hanno il “mal di Francia” come si dice in gergo e non riescono a valicare le Alpi, altre volte scompaiono dalle mappe ancor prima di abbordare il Continente e lì la cosa diventa più grave.Si tratta di ragionare scientificamente, per scoprire le cause di uno strano black-out troposferico..

Autore : Alessio Grosso

fonte : http://meteolive.leonardo.it/

redatto da Pjmanc  http://ilfattaccio.org

One Comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.