CURE PREVENTIVE, OVVERO COME DIVENTARE MALATI SENZA SAPERE DI ESSERLO.

NEL PROSSIMO FUTURO CI SARA’ UNA TERAPIA PER CHI NON E’ MALATO MA POTREBBE DIVENTARLO

Una “cura” preventiva, insomma, a base di droghe psichiatriche e shock elettroconvulsivi. Giusto per essere tranquilli! Si chiama “rischio di sindrome” la nuova categoria proposta per la prossima edizione della bibbia psichiatrica (DSM V) del 2013.Non sei malato di mente? Allora ci deve essere una malattia che in futuro potresti avere, ma ancora non lo sai. Però, William T. Carpenter, che collaborato alla stesura della bozza, rassicura che per ogni persona a rischio ci deve anche essere uno psicofarmaco. Come dire… trattamenti per tutti!Per essere considerati a rischio sarà sufficiente parlare a vanvera o essere sospettosi. Sintomi che potrebbero preannunciare una psicosi, secondo gli psichiatri. Così chi alza il gomito a una festa o una moglie un po’ gelosa potrebbero subito essere etichettati come soggetti “a rischio psicosi” ed essere sottoposti a cure farmacologiche.

MA QUESTA E’ SOLO UNA DELLE PROPOSTE

Leggendo le altre c’è da ridere (per non piangere). Tra le nuove sindromi ci saranno la “mania da accumulo”, l’ipersessualità, le furie dei bambini, la sindrome da gambe inquiete, la sindrome da apatia, il disordine da tristezza stagionale, la dipendenza da internet etc. Il frutto di ricerca scientifica a detta degli psichiatri: infatti le nuove malattie verranno sottoposte ai commenti del pubblico e poi non ad accurati test di laboratorio, bensì al vaglio di “esperti”. Una votazione democratica, insomma. Non pensi che la democrazia sia una cosa giusta? E se per caso ti rifiutassi di sottoporti al trattamento forzato esiste già la malattia che fa per te: perché devi essere un soggetto che soffre di non adattamento al trattamento!

Fonte : http://www.unita.it

Redatto da Pjmanc:  http://ilfattaccio.org

4 thoughts on “CURE PREVENTIVE, OVVERO COME DIVENTARE MALATI SENZA SAPERE DI ESSERLO.

  1. Bhe, le cose non stanno proprio per nulla così… Ci sono molte questioni anche per me molto discutibili nel DSM V (che per ragioni professionali ho già visionato), ma la questione richiede, come sempre, discernimento, conoscenza della materia e molta ricerca da attendibili fonti diverse. Se no si finisce nella “Sindrome di Beppe Grillo” (…c’è nel DSM V? :-) ) che dice tante cose giuste e sacrosante in mezzo a poche stronzate madornali…. e come enuncia la famosa Legge di Murphy: “Se metti un piccolo bicchiere di merda in una grande botte di vino buono il risultato è, in ogni caso, merda…”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 2 = zero

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>