ALLARME OMS: BASTA CIBO SPAZZATURA AI BAMBINI

L’ALLARME VIENE DALL’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’

L’allarme viene dall’Organizzazione mondiale della sanità, che sta invitando i Paesi a prendere misure per ridurre l’esposizione a tali prodotti indirizzati spesso proprio ai bambini, mediante l’attuazione di una serie di misure concordate a livello internazionale. La pubblicità televisiva è responsabile di un’ampia fetta di vendite di cibi malsani e, secondo le revisioni sistematiche di varie ricerche, la pubblicit… influenza le preferenze alimentari dei bambini, le richieste di acquisto e il consumo. Nel maggio 2010, gli Stati aderenti all’Oms hanno approvato una nuova serie di raccomandazioni sulla commercializzazione di alimenti e bevande non alcoliche ai bambini. Le raccomandazioni facevano appello all’azione nazionale e internazionale per ridurre l’esposizione dei bambini a messaggi di marketing che promuovono alimenti ricchi di grassi saturi, grassi idrogenati, zuccheri semplici o sale, e per ridurre l’uso di potenti tecniche di commercializzare di questi alimenti per i bambini. “Le malattie non trasmissibili, come le malattie cardiovascolari, i tumori e il diabete, rappresentano oggi una minaccia importante per la salute umana e sviluppo socioeconomico”, afferma il dottor Ala Alwan, vice direttore generale per le malattie non trasmissibili e la salute mentale. “L’attuazione di queste raccomandazioni dovrebbe essere parte diampi sforzi per prevenire una cattiva alimentazione, che è un fattore di rischio importante per diverse malattie croniche”. Alwan sottolinea come l’attuazione delle raccomandazioni da parte dei Paesi rafforzerà la loro capacità di favorire e incoraggiare sane scelte alimentari dei bambini e promuoverà il mantenimento di un peso corretto. I dati dell’Oms mostrano che 43 milioni di bambini in età pre-scolare in tutto il mondo sono obesi o in sovrappeso.

 

STUDI SCIENTIFICI

hanno provato che una parte significativa della pubblicità televisiva a cui bambini sono esposti promuove prodotti alimentari inutili per la loro crescita e che hanno bassi valori nutritivi, se non nessuno. La cattiva alimentazione è uno dei quattro fattori comuni associati con le quattro principali patologie croniche (tumori, diabete, malattie cardiovascolari e malattie polmonari croniche), che sono responsabili di circa il 60% di tutti i decessi in tutto il mondo, ossia più di 35 milioni di persone ogni anno.Più di 9 milioni di morti sono premature (persone che muoiono prima di raggiungere i 60 anni di età) e sarebbero state evitate conmisure a basso costo a disposizione di tutti i Paesi del mondo, comprese le misure per fermare l’uso del tabacco, ridurre l’uso nocivo di alcol, e per promuovere sana e dell’attività fisica.  I preparativi sono in corso per la prima riunione ad alto livello dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite per laprevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili, che si terrà il 19-20 settembre 2011 a New York.

 

Fonte: http://www.ilnuovomondo.it

 Redatto da Pjmanc:  http://ilfattaccio.org

2 Comments

  1. Come era buona la fetta di pane con l’olio!!!! Non solo facciamo del male ai bambini dando loro merendine e varie (che hanno tutte più o meno lo stesso sapore) ma non provano più gusti semplici e appetitosi!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.