Il veleno è in tavola: ogni brasiliano consuma 5,2 litri di veleni all’anno +video

 IL GIGANTE  VERDE ORO

è il paese che consuma più veleni nel mondo: 5,2 litri all’anno per abitante. Eppure il governo centrale tollera in nome dello sviluppo economico e della rivoluzione verde“Il veleno è in tavola” è un documentario di Silvio Tendler, regista brasiliano da sempre impegnato in denunce e argomenti scottanti, tanto da guadagnarsi l’appellativo di o cineasta dos sonhos interrompidos. Presentato a Rio de Janeiro, è un film denuncia preparato per la “Campagna contro i pesticidi e per la vita” e in 50 minuti mostra gli enormi danni causati da un modello agricolo basato sull’agrobusiness.

OLTRE ALLE AGRESSIONI ALL’AMBIENTE

i veleni sempre più utilizzati nelle piantagioni causano seri rischi per la salute tanto del consumatore finale quanto degli agricoltori esposti quotidianamente all’intossicazione.In questa storia, le uniche a guadagnarci sono le grandi imprese transnazionali come Monsanto, Syngenta, Bayer, Dow, DuPont, tra le altre.Il documentario racconta come la cosiddetta Rivoluzione Verde del dopo-guerra ha eliminato l’eredità dell’agricoltura tradizionale, impiantando un modello che minaccia la fertilità del suolo, le riserve d’acqua e la biodiversità, contaminando persone e aria.Il Brasile è il paese che consuma più veleni nel mondo: 5,2 litri all’anno per abitante. Mentre i prodotti biologici sono difficilmente accessibili alla popolazione a causa dell’alto costo. Tra l’altro in Brasile ci sono incentivi fiscali per chi usa pesticidi in agricoltura generando una contraddizione tra la salute della popolazione e l’economia del paese. È chiaro che a essere privilegiata è la seconda, l’economia.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=2xm0HzjLxN4&feature=player_embedded] [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=avY7nT_qgmQ] [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=i2EB5Qe4Vnw] [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=napeFgNxFOk]

fonte : Fonte: it.peacereporter.net

Redatto da Pjmanc http:/ ilfattaccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.