Energia. Membrane di polimeri per immagazzinare elettricità

Costerebbero un decimo di metodi di stoccaggio in uso

Roma, 6 ott. (TMNews) – Una membrana composta di materiali polimerici potrebbe rivelarsi una soluzione per accumulare energia elettrica in modo efficiente ed economico. L’invenzione, realizzata da un gruppo di ricercatori della National University of Singapore (NUS), potrebbe rivoluzionare un settore in grande crescita: lo stoccaggio di energia elettrica sta infatti diventando una priorità sempre più pressante nel sistema energetico globale. Soprattutto è essenziale per far fronte all’incostanza delle fonti di energia rinnovabili come il sole e il vento, che non sempre sono disponibili quando è maggiore la domanda di energia. Gli attuali dispositivi per accumulare l’elettricità, come le batterie ricaricabili e i supercapacitori, sono meccanismi complessi, difficili da realizzare su grande scala, e costosi. La nuova membrana invece, morbida ed elastica, consiste di uno strato polimerico a base di polistirene che, messo a sandwich e tra due placche di grafite cariche, acquista una capacità di immagazzinare l’energia superiore a tutte le tecnologie attualmente utilizzate. Secondo i ricercatori del NUS, a parità di unità di misura la capacità è molto superiore a quella di ogni accumulatore noto, addirittura di 200.000 volte superiore a quella dei capacitori standard. Anche dal punto di vista economico il vantaggio sarebbe enorme: si parla di costi pari a un decimo di quello delle altre tecnologie esistenti. Inoltre per immagazzinare elettricità in grande quantità sarà sufficiente aumentare in modo opportuno l’estensione della membrana. Le possibili applicazioni della nuova invenzione (che, occorre ricordare, per ora è ancora nella fase di laboratorio) sono in teoria numerose: potrà essere impiegata per esempio nelle centrali solari ed eoliche per immagazzinare l’elettricità prodotta nei momenti in cui sono più favorevoli le condizioni del sole e del vento, per poi rilasciarla di notte o in assenza di vento. Un’altra destinazione potrebbe essere il motore delle auto ibride, che potrebbero diventare così più efficienti e ancora più ecosostenibili. Pga TM News

fonte : http://www3.lastampa.it/

One Comment

  1. Excellent article and easy to understand explanation. How do I go about getting permission to post part of the article in my upcoming news letter? Giving proper credit to you the author and link to the site would not be a problem.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.