SALUTE: La fregatura delle lampadine a basso consumo

DA PIU’ DI UN DECENNIO

Continuiamo ad attribuirle un ruolo salvifico nella lotta ai cambiamenti climatici, senza renderci conto delle innumerevoli problematiche sotto il profilo della salute e dello stesso ambiente.Ci siamo già occupati del tema su Terra Nuova di gennaio, scatenando non poche perplessità. Adesso l’argomento viene affrontato anche da Aduc e riportato su Il Consapevole, attraverso la diffusione di ulteriori pubblicazioni scientifiche e di un appello lanciato da David Price, coordinatore della Spectrum Alliance, nell’ambito della più vasta campagna di sensibilizzazione in Europa sulle conseguenze sulla salute originate dall’uso di questo genere di illuminazione.Entro settembre 2012 saranno messe al bando in tutta l’Unione Europea le lampadine a incandescenza per fare spazio a quelle a minor consumo energetico. Ma a quale costo?Le lampadine fluorescenti compatte -LFC- (note come lampadine a basso consumo energetico) possono infatti provocare invece ulteriori gravi danni a fasce di popolazione affette da patologie quali il Lupus, forme di dermatite o eczema, elettrosensitività, autismo, epilessia, emicrania, alcuni tipi di porfiria, e molte altre ancora che possono soffrire gravi e dolorose reazioni all’illuminazione a basso consumo.Queste beneamate lampadine, distribuite a destra e manca da associazioni ambientaliste e da fornitori di energia elettrica (già questo dovrebbe far pensare), presentano purtroppo tre principali problemi: le radiazioni elettromagnetiche, il mercurio e le radiazioni UV. Riportiamo uno stralcio dell’articolo pubblicato su Il consapevole e la rivista Icaro.

 RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE

Misurazioni eseguite dimostrano che le LFC generano potenti campi elettromagnetici a poca distanza dalla sorgente, fino ad un metro di distanza. Il centro indipendente di ricerche francese CRIIREM (Centre de recherche et d´information sur les rayonnements e’lectromagne’tiques) sconsiglia pertanto di utilizzare lampadine a basso consumo energetico a brevi distanze, come ad esempio per illuminare i comodini delle camere da letto o le scrivanie. La messa al bando delle lampadine ad incandescenza porterà quindi ad un aumento delle persone sottoposte ad alti livelli di radiazioni elettromagnetiche.Esistono, inoltre, indicazioni che il campo elettromagnetico generato dalle LFC può viaggiare all’interno dei cavi elettrici esponendo le persone alla così detta “elettricità sporca” in tutta l’abitazione. Uno studio pubblicato nel giugno del 2008 dall’American Journal of Industrial Medicine segnalava che questa elettricità sporca aumenta di 5 volte il rischio di contrarre il cancro. L’effetto dannoso dell’elettricità sporca e stato evidenziato anche dalle ricerche condotte dalla ricercatrice canadese Marta Havas.Le lampade alogene a basso voltaggio (12V) possono anch’esse essere dannose a causa del campo elettromagnetico generato dal trasformatore. Ciò succede in particolare con le radiazioni emesse dai “trasformatori elettronici” che possono contaminare anche le condutture generando elettricità sporca. Le lampade alogene a 220 V non hanno invece questo effetto.

MERCURIO

Le LFC contengono da 3 a 5 mg di mercurio, una sostanza estremamente tossica per il cervello, il sistema nervoso, i reni ed il fegato. Sebbene si dica che le LFC hanno un basso contenuto di mercurio, questo quantitativo è più che sufficiente a causare seri danni alla salute. In modo particolare sono a rischio le donne in stato di gravidanza ed i bambini piccoli, poiché il mercurio influisce sullo sviluppo del cervello e del sistema nervoso del feto e del neonato.Valutazioni eseguite dimostrano che quando una lampadina a basso consumo si rompe i vapori di mercurio si diffondono e le emissioni superano di gran lunga i livelli di sicurezza per svariate settimane dalla rottura. Le lampadine che non vengano smaltite correttamente potrebbero rompersi nei camion della spazzatura, diffondendo i vapori di mercurio sulla città, o finire nelle discariche dove il mercurio può contaminare aria, acqua e suolo. Di conseguenza, la messa al bando delle lampadine ad incandescenza ed il conseguente aumento dell’utilizzo delle LFC porterà centinaia di chilogrammi di mercurio direttamente nelle nostre case e nelle nostre strade.

   RADIAZIONI UV

Le LFC senza il doppio guscio protettivo (ed anche alcuni tipi di lampade alogene) emettono radiazioni UV-B e tracce di UV-C. È ben noto che questo tipo di radiazioni sono dannose per la pelle (i.e. tumore della pelle) e per gli occhi (i.e. cataratta). Diversi studi, infatti, dimostrano che le lampade fluorescenti aumentano il rischio di contrarre tumori della pelle.La British Association of Dermatologists sostiene che le persone che soffrono di alcune malattie della pelle o che sono sensibili alla luce accusano un aggravamento dei loro sintomi in conseguenza dell’uso di lampadine a basso consumo energetico. Perfino individui senza problemi cutanei preesistenti possono sviluppare sul viso sintomi allergici e/o lesioni simili alle ustioni da sole.La protezione supplementare del doppio guscio sulle LFC può circoscrivere il problema delle radiazioni UV, ma fintantoché saranno vendute LFC senza doppia protezione, le razioni UV continueranno ad essere un alto fattore di rischio.

UTERIORI PROBLEMI

Altri problemi correlati all’uso delle LFC comprendono il tremolio della luce — che può provocare mal di testa, affaticamento della vista e problemi di concentrazione — e l’alta percentuale della componente blu della luce che, come è risaputo, diminuisce la produzione di melatonina, che a sua volta può causare disturbi del sonno, tumori, attacchi di cuore.

 COSA FARE?

Ricordiamo altresì che si stanno diffondendo altre tecnologie, sicuramente più efficienti, come l’illuminazione a led, che risolvono in parte tutti questi problemi. Dobbiamo anche ricordare che la luce migliore rimane la luce naturale, che potremmo sfruttare al massimo anche all’interno delle nostre abitazioni. Per il resto potremmo continuare ad usare le lampadine fluorescenti con maggiore coscienza e parsimonia, ricordandoci di smaltirle in modo corretto. Una vecchia lampada ad incandescenza se accesa con moderazione potrà darci sicuramente una luce più calda e gradevole. Se poi volete seriamente risparmiare energia cominciamo dall’isolare bene le abitazioni, l’illuminazione per le nostre case assorbe appena il 15 per cento dei consumi energetici. Per ridurre le emissioni è sicuramente prioritario risparmiare sull’energia necessaria al riscaldamento e raffrescamento degli edifici.

Fonte: www.ecplanet.com

Redatto da Pjmanc http:/ ilfattaccio

20 thoughts on “SALUTE: La fregatura delle lampadine a basso consumo

  1. Potreste consigliarmi un tipo di lampadina che non emetta radiazione elettromagnetica? soprattutto se di lunghezza d’onda compresa fra i 380 e i 760 nanometri, che trovo particolarmente fastidiosa.

  2. Ma che articolo è?
    La luce è una radiazione elettromagnetica! Una lampadina che non emetta radiazioni EM non è una lampadina!
    Elena Tostato propone una lampadina adatta a voi: niente luce visibile! Magari IR o raggi X, ma rigorosamente niente luce visibile!
    Scusa Elena se “traduco” la tua richiesta, ma non credo che avrebbero capito…e magari poi li avremmo ritrovati in giro a fare richieste improbabili!

    • Anche se in ritardo vorrei commentare il tuo articolo:
      Non e’ vero che una lampada debba per forza emettere onde elettromagnetiche (vedi questo sitio http://www.edilart2004.it.gg) da un esperimento fatto in una clinica in Ecuador (tre lampade a basso consumo una lampada fatta dalla impresa del sitio, si nota che , le lampade a basso consumo attirano una quantita’ notevole di insetti vari quella del sito web neanche un insetto, questo sta’ a provare l’assenza di onde magnetiche:
      Il led cosi allo stato primitico cioe’ senza contenotore non emette OEM, ho in questo momento una lampada led di una impresa chinese dove dichiarano candidamente la quantita’ di mercurio presente 5mg una enormita’ per una lampada da 1,5W..
      Percio’ anche le lampade a led commerciali contengono mercurio..

      Un saluto
      GreenEnergyEcuador

  3. SI-AMO … OLTRE IL RISPARMIO !!! QUI’ SI PROMUOVONO I LED . HO PARLATO CON UN INGEGNERE : A CAUSA DI DETERMINATI LED ,NORMALMENTE IN VENDITA’ , VI SONO STATI CASI DI DISTACCO DELLA RETINA . SI-AMO NELLA DUALITA’ PIENA : TUTTO CIO’ CHE PIU’ USI-AMO CI FA MALE . VEDI MICRONDE ,CELLULARE … ECC.

  4. La tecnologia LED ha fatto dei passi da gigante. Esistono in commercio lampadine di bassa qualità (spesso anonime e di produzione cinese) di cui non si sa il contenuto di inquinanti pericolosi e la cui costruzione lascia molto perplessi (secondo me alcune sono addirittura non sicure dal punto di vista elettrico), ma ve ne sono anche di qualità: con 10w si possono raggiungere anche 1000 lumen con disponibili varie temperature di luce, con spettri di emissione molto regolari e privi dei picchi e delle lacune delle fluorescenti e il munero di accensioni non altera la durataa. Bisogna cercare con cura e affrontare spese a grandi linee dai 15 euro in su, economicamente sono vantaggiose anche a breve termine se usate dove vengono tenute accese per molte ore. Lo smaltimento è sicuramente da considerare come un problema ma anche la durata che arriva a 15000-20000 ore abbassa sensibilmente il numero di sostituzioni.

    • A VOLTE LE DIMENTICANZE TRADISCONO : LE BUGIE ,SI DICE,HANNO GAMBE CORTE !!! CARISSIMO ALBERTO … MIA FIGLIA HA COMPRATO UNA LAMPADA LED X LA CUCINA CO UN NEGOZIO SPECIALIZZATO . IL COSTO DECISAMENTE ALTO POICHE’ PRODOTTO DI QUALITA’ EUROPEA . ANDAI PERSONALMENTE A RITIRARLA E LA VENDITRICE PARLAVA MOLTO MALE DELLA CONCORRENZA CINESE . LA LAMPADA ARRIVAVA DA UNA DITTA AUSTRIACA SECONDO LA STESSA VENDITRICE . PECCATO CHE QUESTA DITTA SIA SOLO IMPORTATRICE ,POICHE’ SULLA SCATOLA IMPORTATORE (AUSTRIACO) E RIVENDITORE(ITALIANO) SI SONO DIMENTICATI L’ ETICHETTA … MADE IN CHINA !!!

      • Caro Mario, premesso che non ho alcun interesse a promuovere l’utilizzo della tecnologia LED, concordo con Lei: la pratica dell’importazione e poi l’uso di packaging ingannevoli è ampiamente diffusa in tutti i settori merceologici. Il “made in Cina” non è comunque da associare comunque a priori a bassa qualità, il problema più importante è secondo me, sopratutto per alcuni prodotti, riuscire a valutare correttamente il prodotto; il cittadino comune non è sempre un tecnico, un chimico o un ingeniere, e non ha strumenti necessari per farlo. Individuare metodi e strategie semplici non integraliste e markettare per aiutare le persone a valutare in modo libero è un’ottimo servizio che chi è in grado di fornire dovrebbe diffondere.
        In conclusione mi sembra semplice che se ritiene che la lampadina che ha comperato non risponda alle caratteristiche che il venditore ha presentato, la riporti e se la faccia rimborsare o cambiare.

  5. Chiedo scusa! Ma quello che invece vorrei sapere io è un’altra cosa. Quanto è vero che le lampadine a basso consumo riescano a far risparmiare energia? Non per altro, ma da quando le uso, senza aver subito paricolari problemi per la salute(che tanto ormai coinvolgono qualsiasi prodotto se andiamo a cercarli col “lanternino”), la mia bolletta della luce è rimasta praticamente invariata! Ormai io non credo più a nulla. Né alle qualità decantate, né ad allarmismi basati su percentuali ridicole di difetti. Grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sette + 5 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>